Gli Emigranti

Pubblicato il Pubblicato in Archivio, In evidenza

In una città straniera due emigranti sono costretti a trascorrere la loro vita nella squallida e desolata stanza del sottoscala dove convivono.
Non viene definita la città ne lo Stato di appartenenza perché è una storia dedicata a tutti gli Emigranti che, lontani dalla propria terra di origine, cercano riscatto.
Emigranti affronta temi molto forti con una vena di umorismo e sa rendere anche le situazioni più drammatiche più leggere e ironiche.

Nel paese dei ciechi

Pubblicato il Pubblicato in In evidenza, Teatro

Si immagini un paese i cui abitanti abbiano perduto del tutto il ricordo della vista. In cui l’oscurità abbia preso il posto della luce. Si immagini una civiltà prospera, che abiti una valle incantata ricca di ogni bene, ma che non contempli la possibilità di superare i confini delle rocce che la circondano. E si immagini infine l’arrivo di un uomo da oltre quei monti, dal mondo grande e immenso che si estende a perdita d’occhio fino ad arrivare alle coste dell’oceano.

Girotondo

Pubblicato il Pubblicato in In evidenza, Teatro

di ARTUR SCHNITZLER regia GIUSEPPE AMATO con PAOLA MITRI e CHRISTIAN RENZICCHI un ringraziamento a SARA TROIANI e MATTEO FERRARI Questo girotondo è un gioco. Due attori-personaggi escono da un vecchio libro polveroso per entrare con passo gentile in dieci situazioni diverse, ma chiaramente riconoscibili o almeno familiari, perché ricordano situazioni legate alla storia del […]

My romantic history

Pubblicato il Pubblicato in Drammaturgia contemporanea, In evidenza

di D.C. JACKSONcon GIUSEPPE AMATO, DENIS FONTANARI, ALICE MELLONI e PAOLA MITRIda un’idea di RICCARDO BELLANDI regia CHIARA BENEDETTI coreografie CLAUDIA MONTIscene FEDERICA RIGONtraduzione MARCO GHELARDI Una generazione di trentenni insoddisfatti e buffi, alle prese con la quotidiana difficoltà di far coincidere la realtà con i propri sogni. Qual è il modo più efficace per […]

Le notti bianche

Pubblicato il Pubblicato in Archivio

L’uomo delle Notti Bianche, è immerso in un mondo tra realtà e sogno,tra il regno fantastico e il cupo mondo, tuttavia questa terra delle nebbie è sì felice, ma contiene anche un bruciante veleno: esiste ancora la speranza, in questo sognare, di trovare un’anima inviata dall’eternità e destinata a lui solo. Si chiama Nasten’ka.

Narrenschiff

Pubblicato il Pubblicato in Archivio

Nel 1882 viene inaugurato il Manicomio di Pergine, una struttura emblematica che arriva ad ospitare 1800 pazienti e 1000 dipendenti. Un micro-universo grande quanto il centro storico che lo ospita, una porta verso un mondo parallelo, in cui il senso della gravità muta, il tempo si dilata, le leggi s’invertono.

Coppia aperta, quasi spalancata

Pubblicato il Pubblicato in Archivio

Se questo è uno dei testi della coppia Fo-Rame più rappresentati un motivo c’è. Non è un testo politico, non è un testo a favore del femminismo o contro il maschilismo, non è né solo comico né solo drammatico, non parla di sesso o di amore… l’elenco potrebbe continuare all’infinito perché questo testo non lo si può racchiudere in un unico contenitore; forse perché è tutte queste cose insieme quindi diventa molto di più.

Dracula

Pubblicato il Pubblicato in Archivio, In evidenza

di BRAM STOKERadattamento e regia CHIARA BENEDETTI e GIUSEPPE AMATOcon CHIARA BENEDETTI e GIUSEPPE AMATOscene OMAR FISICAROluci LUCA CREMASCHI e OMAR FISICARO Dracula è uno dei pilastri della letteratura gotica, ma anche un classico della letteratura mondiale,che fa nascere quel nuovo mostro che popola gli incubi da allora a oggi: il vampiro e qui prende […]

La guerra

Pubblicato il Pubblicato in In evidenza, Teatro

Regia SIMONE TONIcon GIUSEPPE AMATO, CHIARA BENEDETTI, GIANNI BISSACA, FEDERICA CASTELLINI, DENIS FONTANARI e CHRISTIAN RENZICCHILuci LUCA DE MARTINI DI VALLE APERTAScene CRISTIAN ZURITADirezione Tecnica FEDERICA RIGONConsulenza Drammaturgica SIMONE FALOPPAAiuto regia SARA TROIANI Goldoni in questo testo dimostra non solo di aver brillantemente avviato la riforma del teatro italiano, ma anche di aver fatto un […]

Sospiro d’anima

Pubblicato il Pubblicato in Produzioni Aida Talliente

Un cerchio di pietre illuminato da piccoli lumi. Un albero bianco, scarno. Scatole, cassetti, vecchi oggetti accatastati su cui siede una donna “anziana”. Appena fuori dal cerchio, un ragazzo, forse un “angelo”, suona una fisarmonica. La donna si muove in questo luogo fatto di poveri oggetti, raccontando la sua storia. Lo fa come fosse un saluto, l’ultimo saluto prima di “andarsene”.