Drammaturgia contemporaneaIn evidenza

Una mano mozzata a Spokane

di MARTIN MC DONAGH
tradotto da CARLO SCIACCALUGA
regia CARLO SCIACCALUGA
con ANDREAPIETRO ANSELMI, ALICE ARCURI, DENIS FONTANARI, MAURIZIO BOUSSO
light designer FEDERICA RIGON
foto di scena BIANCA PIRISI e MANUELA PORCHIA
Debuttato alla XVII edizione di Trend – Nuove frontiere della scena britannica

“La commedia è esilarante a dir poco, e le premesse aiutano: in una camera d’albergo Carmichael, un sicario di mezz’età a cui manca la mano sinistra, lascia un messaggio sulla segreteria telefonica della madre per rassicurarla sulla propria salute. Da questo momento in poi inizia una vicenda claustrofobica (l’azione si svolge nella stessa stanza dall’inizio alla fine), violenta, una dark comedy in pieno stile McDonagh. Il misterioso uomo è alla ricerca della propria mano sinistra da 27 anni. Due giovani innamorati, un ragazzo di colore e una bionda, spacciatori da quattro soldi, tentano di vendergli una mano sottratta al museo di storia naturale, provocando la furia di Carmichael, sotto lo sguardo di uno stralunato e inquietante concierge, ex galeotto, i cui interventi rischiano di far precipitare la vicenda. Le occasioni comiche sono innumerevoli e McDonagh non se ne lascia sfuggire neanche una. La commedia a tratti è cupissima, violenza e morte, razzismo e ignoranza dominano la scena per lunghi tratti, ma è raro non ridere per più di un paio di minuti di fila”.
Carlo Sciaccaluga

Presentazione completa UNA MANO MOZZATA A SPOKANE